mercoledì 25 marzo 2015

Tinta Sleek Matte Me

In questi anni è scoppiata una vera e propria mania per le tinte labbra ma si sa, in Italia ci dobbiamo accontentare e la scelta è veramente poca.
Anche io presa dall'euforia e dalla bellezza di queste tinte, ho voluto provare, insieme alla mia amica HOUPPE, quelle della Sleek.
Tutte le tinte una volta asciutte durano a lungo e non sono trasferibili. Seccano incredibilmente le labbra e se mangiate, un po' viene via, sopratutto all'interno. 
Io le ho prese su Vanity Lovers a 7,70 c.u. ma sono disponibili anche su maquillalia ed ovviamente sul sito della Sleek.
Se avete le labbra molto screpolate vi consiglio uno scrub prima di metterle altrimenti evidenzieranno parecchio le pellicine. Se avete il burrocacao, asciugate bene le labbra o la tintà non aderirà.
Sono dotate di un classico pennellino che permette di applicare la tinta in modo preciso. 

Fandango: Bellissimo colore, a seconda della luce cambia i riflessi che vanno da un viola che tende al fucxia al vinaccia... Tra tutte, è quella che  dura di più, si stende con molta facilità rispetto alle altre e non risulta appiccicosa. Dopo la stesura, quando sarà asciutto, provate a toccarvi le labbra con un dito, vedrete che quest'ultimo rimarrà asciutto e pulito. 

 

Brink pink: Rosa brillante, un must di ogni collezione. Ne ho trovati di simile in tutte le profumerie anche se devo dire che questa colorazione è molto appiccicosa, dopo un po' di tempo si fa a pezzi ed evidenzia le pellicine.


Party Pink: Una tinta corallo che tende molto al rosso, bello l'effetto sulle labbra, si adatta bene al periodo estivo e come la sua sorellina fandango, dura a lungo.


Non mi fanno impazzire ma in confronto a quelle che ho provato, queste sono decisamente le migliori (brink pink a parte). Se dovessi ricomprarle, l'unica su cui punterei sarebbe fandango. Ero reduce della tinta tanto decantata della Bourjois ma pare che sia stata sfigata io nella scelta del colore. Circola voce che il colore Grand Cru sia pessimo in termini di resa, infatti è bellissimo ma difficile da stendere, poco confortevole sulle labbra e dura veramente poco. 


martedì 24 marzo 2015

Zpalette vs Nabla: palette magnetiche a confronto

La palette magnetica è quell'accessorio che ti aiuta a mantenere il make-up nel giusto ordine e di trasportare ovunque i prodotti necessari senza occupare tanto spazio.


Iniziamo dalla Zpalette, ne esistono di svariati formati e colori ma rispettano tutte un particolare design. Costruita con materiale plastico interamente reciclabile, ha una base dov'è applicato il foglio magnetico. Il coperchio in plastica trasparente, permette di vedere chiaramente cosa contiene l'interno e si gira comodamente fino a toccare il fondo della palette. Nella vendita sono compresi degli adesivi magnetici di forma rotonda e rettangolare, da attaccare ai refill che non hanno una base calamitata. Il logo dell'azienda è stampato: al centro sulla parte porterione, in basso a destra sulla parte anteriore. Quelle in mio possesso sono di taglia Large 7.44 cm x 4.13cm x 0.25cm (a partire da 19€, dipende dal sito da cui deciderete di acquistare). 
Tra le tante misure, esiste anche la DOME che ha la particolarità di essere la più alta della gamma, è fatta apposta per accogliere cialdine "cotte" che sono più alte rispetto ai prodotti normali (al posto di avere la superficie piatta come tutti gli ombretti, le cialde cotte sono a cupola). 


Nabla palette: tanto di cappello a questa splendida palette in cartone che ha tutte le caratteristiche della sua rinomata sorellona americana. Il coperchio è in acrilico trasparente e quindi come la precedente, è possibile verificarne il contenuto interno. L'unico neo è la grandezza, i formati sono veramente troppo pochi e quindi continuo a preferire la Zpalette solo perchè mi permette di organizzare tutto in un'unica soluzione. Per chi ha problemi di spazio o deve portarsi dietro tante cose, non può assolutamente organizzare tutto in 20 palette magnetiche...
Il logo viene riportato in bianco, al centro della palette, sia nella parte posteriore che in quella anteriore.

Formati palette NABLA:
  • Liberty six Palette: 11cm X 7,5 cm X 1 cm (6€)
  • Liberty twelve Palette: 14,5 cm X 11,4 cm X 1,2 cm (10€)
Entrambe disponibili nei colori: nero,  pastel mint (azzurro), strawberry ice (rosa)

La chiusura, sia per la Zpalette che per Nabla, è magnetica ma sebbene siano sicure entrambe, quella di Nabla mi sembra più potente.  

Ammetto che se esistesse un formato grande per il marchio Nabla, avrei comprato solo questa. Certo, le Zpalette sono sfizione e funzionali, ne esistono tanti modelli e quindi più adattabili ad ogni esigenza ma d'altro canto quest'ultime, hanno un costo decisamente più elevato e sono difficili da reperire in tutti i loro "temi" qui in Europa; infatti si vedono i soliti modelli da anni mentre se si da una rapida occhiata al sito Americano ci si accorge di quanti siano i colori disponibili...

Piccola guida su come depottare una cialdina

Continuo a preferire i prodotti in refill, si risparmia plastica del packaging che avvolge la cialdina e si risparmiano tanti soldini (Proprio per l'assenza della confezione, le singole cialde costano molto meno per alcuni brand).



lunedì 23 marzo 2015

Extreme Art Liner Pen By Artist of make-up

Oggi vi parlo ancora una volta di una chicca cosmetica di Artist Of MakeUp (qui la prima review), un fantastico eyeliner in penna.

Extreme Art Liner Pen è contenuta in un'elegante confezione nera che riporta il solito damascato, il  logo dell'azienda, l'inci e il nome del prodotto in bianco. La penna è grigia, in metallo ultraleggero con inciso in nero il nome e la marca. 
Mi sono trovata bene sin dalle prime applicazioni perchè il corpo dell'eyeliner non risulta ne troppo fine ne troppo speso quando lo si impugna.
La punta è in Teklon, un materiale sintetico composto da setole molto sottili e morbide che permettono di essere precisi nel tratto. I pennelli in Teklon hanno molti vantaggi: durano nel tempo, sono antibatterici e cruelty free (per intenderci, i pennelli Real techniques sono composti da queste setole). Non lasciatevi spaventare dalla punta sottile, questo eyeliner è uno strumento molto versatile, adatto sia per le Guru che per le ragazze alle prime armi. Proprio per la sua scorrevolezza, è possibile creare linee sottili o più spesse, così da creare il look che più valorizza il vostro sguardo. Il tratto è un caratteristico nero intenso che una volta asciugato non secca e non si sposta per tutto il giorno, resistendo anche alle giornate più calde; mentre per chi ha problemi di palpebra oleosa o eccessivo sebo, non dovrà preoccuparsi che l'eyeliner sparisca dalla palpebra dopo poco. 

 
Costruito con standard quialitativi giapponesi (vi ricordo che è tutto made in Japan), la penna ha un sistema di ricambio della cartuccia interna, in modo da non dover comprare nuovamente tutto il "pacchetto" ma solo il refill. Tutto questo lo rende ancora più professionale e permette a chi lo usa di abituarsi allo stesso tipo di prodotto, senza aver paura di non trovarlo più e di dover cominciare con un articolo sconosciuto.
L'Extreme Art Liner Pen costa 18£, i refill solo 5.50£.